“Nel nuovo mondo non è il grande pesce che mangia il piccolo pesce. È il pesce veloce che mangia il pesce lento.”

rif. Klaus Schwab, Fondatore e presidente esecutivo, World Economic Forum.

Viviamo in un mondo che è in costante movimento. L’innovazione tecnologica rimodella vecchi modelli di business e approcci, e questo è vero anche per l’industria delle costruzioni. Nel prossimo decennio, il settore dell’industria delle costruzioni dovrebbe crescere, specialmente nelle economie emergenti dell’Asia, America Latina, Medio Oriente, Africa e India. Per trarre il massimo vantaggio da questi mercati in crescita, le imprese di costruzione devono trovare un modo per trasformare l’idea architettonica nella realtà commerciale/costruttiva più veloce e più economicamente conveniente di prima, e il successo arriverà a coloro che saranno in grado di differenziarsi in un affollato mercato di competitor. Di seguito si esamineranno in 6 punti i vantaggi del sistema denominato “Cold Formed Steel”. Gli edifici CFS sono ideati utilizzando una progettazione 3D che si interfaccia con software di calcolo e di “esecuzione-realizzazione” del profilato terminale utilizzando prodotti semilavorati alla temperatura ambiente. Combinato con le caratteristiche innate dell’acciaio come la non combustibilità, insidia degli insetti, la resistenza alla presenza delle muffe, la stabilità dimensionale, CFS è una soluzione pratica per molte delle sfide che il futuro dell’edilizia dovrà affrontare a livello globale.

1. Velocità di costruzione

La costruzione secondo il metodo e la tecnologia CFS è più veloce rispetto ai metodi tradizionali di costruzione degli edifici. Il tutto avviene attraverso un sistema di progettazione 3D CAD, il quale comporta la riduzione degli errori in cantiere a fronte di uno sviluppo dettagliato ed incredibilmente accurato della componente strutturale da subito.
I componenti CFS sono prodotti da bobine di acciaio (coils) e sono sagomati a temperature ambiente grazie alla formazione attraverso rulli presenti in macchinari preposti. Gli elementi finali possono essere prodotti in grandi quantità e ad alta velocità con coerenza, qualità e precisione. Strutture come capriate, pareti e solai, una volta premontati fuori opera, vengono portati sul luogo di costruzione per l’assemblaggio finale. Questo significa che ritardi per agenti meteorologici come pioggia, neve o calore eccessivo, vengono ridotti al minimo.

2. Necessità ridotte di manodopera specializzata

La costruzione CFS offre un programma di edificazione certo ed un contestuale abbattimento dei costi sul sito rispetto ai tradizionali metodi di costruzione. Ad esempio, essendo il frame leggero, non sono necessarie attrezzature pesanti di sollevamento sul posto. Cornici, tralicci e travetti possono essere trasportati in loco da manodopera locale. I frame sono fatti su dimensioni precise, quindi finestre e porte, e si adattano perfettamente e rapidamente, riducendo i costi di ingegneria e minimizzando lo spazio per l’errore sul posto. L’aumento della popolarità della costruzione CFS può essere attribuito in parte alla sua facilità di costruzione, alla qualità uniforme e al montaggio rapido e semplice sul posto usando strumenti di base. Tutti questi fattori riducono la necessità di manodopera qualificata.

3. Versatilità di design

La forza e la duttilità di CFS lo rendono un ideale materiale da costruzione per tutti i tipi di edifici – da modulare e unità prefabbricate, alberghi a più piani, ospedali, scuole e alloggi a più piani indipendenti. CFS è adatto a molti tipi di progetti di costruzione e applicazioni, anche architettonicamente impegnativi. CFS offre lunghezze di campata maggiori, grazie ad un minor peso della struttura e ad un miglior utilizzo dello spazio, rendendo possibile la realizzazione di progetti architettonici non realizzabili con metodi tradizionali, compresa la creazione di forme costruttive innovative e non convenzionali.
Con uno dei più alti rapporti resistenza/peso di tutti i materiali da costruzione presenti, CFS offre un’eccellente capacità di ottimizzazione costi/benefici ed è perfetto per creare ampi spazi aperti. La struttura in acciaio consente pareti più strette rispetto a quelle ottenute con materiali tradizionali, offrendo più spazio interno per lo stesso ingombro totale, e quindi un ulteriore vantaggio per affrontare le richieste di densità urbana. E poiché CFS è anche leggero e facile da trasportare, diventa anche una soluzione di design ideale per siti in pendenza o difficili, che potrebbero altrimenti richiedere significativi lavori di fondazione o logistica in loco.

4. Ritorno veloce dell’investimento

Il ritorno sull’investimento (ROI) è ovviamente un aspetto critico dell’analisi finanziaria di qualsiasi opportunità di sviluppo immobiliare. Quando una proprietà può essere acquisita e sviluppata in un breve periodo di tempo, si ha un maggior ritorno sull’investimento in quanto la risposta per soddisfare la domanda immediata del mercato è maggiore. Il costo di costruzione in CFS è competitivo rispetto a metodi tradizionali sia per una maggior velocità di costruzione, ma anche per un incremento della precisione e una riduzione del costo della manodopera.

5. Riduzione creazione rifiuti e scarti lavorazione cantiere

Con le strutture CFS, i rifiuti/scarti delle lavorazioni in cantiere sono minimi grazie ad una progettazione accurata. Di conseguenza, si assiste anche ad una drastica riduzione dell’impatto ambientale dei rifiuti in discarica. Nel caso della costruzione in CFS, i rifiuti sono inferiori all’1% rispetto alle alte percentuali della costruzione tradizionale. L’acciaio è un materiale riciclabile al 100%, si riduce così l’impatto ambientale complessivo del processo produttivo del fabbricato. Gli scarti delle lavorazioni dell’acciaio sono un bene prezioso: il tasso di riciclaggio complessivo dell’industria siderurgica è del 66%, la più alta di qualsiasi altra industria al mondo. CFS è un sistema “a secco”, il che significa che non è necessario utilizzare risorse idriche, spesso limitate, per la miscelazione del cemento o di altri materiali. Questa è una considerazione importante per chi costruisce in aree in cui l’accesso all’acqua è un problema.

6. Costruzione out of site

In tutto il mondo c’è una crescente tendenza verso “out of site” e la costruzione modulare. Proprietari terrieri, investitori, ingegneri e architetti cercano modi validi per migliorare la redditività commerciale dei progetti. I metodi di costruzione tradizionali sono in genere suscettibili a condizioni meteorologiche avverse o limitazioni del sito. Ma con il metodo “out of site”, la maggior parte del processo di costruzione può verificarsi in un ambiente controllato che non è soggetto alle condizioni ambientali o meteorologiche, garantendo maggiore efficienza e qualità come parte di un processo industrializzato.

Architetto Maurizio Parolari

Architetto e fondatore dello studio AREA-PROGETTO, formato nel settore dell’elettronica, ha sviluppato la sua esperienza nell’ambito della domotica. Ha partecipato a diversi progetti di notevole importanza come la partecipazione all’elaborazione della fase esecutiva ed architettonica della nuova Aerostazione Marco Polo a Venezia.

Leave a Reply